MENU
Foto di DarkWorkX da Pixabay

Coronavirus. Mente, creatività e coraggio

Nayibe Warchausky, DECONSTRUCTION UNIVERSE

Jewelry Week. Milano e il gioiello

Gonzalo Córdoba, Butaca Guamá

21 maggio 2020 Comments (0) Views: 284 Arte contemporanea, Editoriale

Gonzalo Córdoba. Il design di un nuovo Umanesimo

Il 20 maggio si è spento all’Avana, all’età di 96 anni, l’architetto Gonzalo Córdoba, pioniere del design ambientale e di interni a Cuba, ideatore di una linea di mobili che si è distinta per originalità, vero e proprio veicolo di espressione dell’identità nazionale. Insieme a María Victoria Caignet, dopo il trionfo della Rivoluzione fino alla fine degli anni ’70, l’architetto cubano ha portato avanti un’intensa attività di progettazione e allestimento di hotel, scuole, centri sanitari, istituzioni statali e ristoranti.

Poltrona Guama di Gonzalo Cordoba per Dujo, 1959 (Fonte: www.pamono.it)

Poltrona Guama di Gonzalo Cordoba per Dujo, 1959 (Fonte: www.pamono.it)

I suoi successi includono gli ospedali Luís Díaz Soto (Navale, ad est della capitale) e l’Ospedale Lenin (Holguín), il complesso turistico Guamá, nella palude di Zapata e spazi comuni del Palazzo della Rivoluzione. Stretti collaboratori dell’eroina Celia Sánchez, Córdoba e Caignet hanno guidato progetti della Various Productions Company (Emprova), molti dei quali si si evidenziano come luogo di incontro ideale fra utilità, bellezza, tradizione e modernità.

A differenza di altri architetti della sua generazione, Córdoba ha dimostrato interesse al design di mobili e interni sin dagli anni ’40. Il modello di poltrona Guamá e il modello di tavolo Isla non sono solo di grande valore estetico, ma sono stati autentiche linee guida per intere generazioni di designer.

Gonzalo Córdoba, negli anni ’50, ha curato gli interni dell’Hotel Internacional, Varadero e degli stabilimenti gastronomici di La Rampa. È stato membro dell’Asociación de Aristas de la Plástica de la Unión de Escritores y Artistas de Cuba (UNEAC), e si è anche distinto, insieme a Caignet, nella prima edizione del Premio Nazionale di Design.

Il poeta e critico Nelson Herrera Ysla ha detto di lui e della sua arte: “il suo entusiasmo e la sua passione per lo sviluppo nel nostro paese di un design conforme ai materiali locali esistenti, alle condizioni meteorologiche, alla razionalità economica, al senso della bellezza e all’espressione di codici e valori di un’isola nel cui destino si intrecciano le culture provenienti da diverse regioni del mondo”.

Riproponiamo l’intervista (El Fingidor) che il nostro Direttore Responsabile Mariapia Ciaghi ha fatto a Gonzalo Córdoba sul suo lavoro e sul suo rapporto con l’architetto cileno Roberto Matta, le cui opere sono esposte nei più importanti musei del mondo.


Gonzalo Córdoba

Gonzalo Córdoba

Com’è nata la tua amicizia con l’artista cileno Roberto Matta?
La cosa logica sarebbe stata incontrarlo personalmente alla Steph Simon Design Gallery, 145 Bd. St. Germain, dal momento che, vivendo nei piani alti di quella vecchia casa, la visitavo spesso per vedere i progetti più avanzati di Jacobsen, le lanterne di Noguchi e i mobili dei suoi amici Jean Prouvé, Charlotte Perriand e il team di Le Corbusier con cui ha condiviso durante il suo soggiorno nel suo studio e che hanno anche progettato gli interni della galleria la cui facciata in vetro è stata progettata da Jean Prouvé e in cui si rifletteva la chiesa di St. Germain de Prés, che Korda mescolò in una fotografia singolare con gli oggetti, i mobili e le amache di Cuba che erano anche parte della selezione della Galleria. Ma non è stato così, e avvenne ciò che ha detto Cortázar: “succedono solo cose inaspettate a coloro che sanno aspettare.”
Una mattina del 1976, una telefonata del pittore e grande amico Mariano Rodríguez, all’epoca direttore della Casa de las Américas, ci annunciò l’immediata visita di Matta, che in una conversazione si era mostrato interessato al design di mobili. Non appena ho riagganciato il telefono, Matta è apparso con la sua compagna alla porta del nostro studio chiedendo “Cosa facciamo qui?”. Poiché si riferiva al nostro lavoro ho comunciato a dirgli che disegnavamo mobilio e oggetti, e quasi interrompendomi disse: “No, no! Cosa ci faccio io qui? Hai carta, gesso, carboncini per disegnare?”, dando un’occhiata di sottecchi a un grande rotolo di carta kraft vicino al lato della mia scrivania.

Pensavo di averlo capito e l’ho srotolato sul pavimento. Gli porsi una scatoletta di carboncini che avevo inaspettatamente ricevuto da Parigi.

E quindi come ha risposto a un gesto così lusinghiero?
Senza perdere tempo, si sdraiò sulla carta stesa sul pavimento, bloccando la porta d’ingresso all’ufficio di María Victoria che comunicava con la mia e con stupore della stessa, quando vide quell’uomo strisciare davanti alla sua porta. Con l’impulso creativo vertiginoso che lo caratterizzava cominciò a disegnare a grandezza naturale mentre spiegava quello che sarebbe stato il divano letto “Tigre”, che in seguito avrebbe chiamato “Caimán”, e che consisteva in una serie di vari cuscini irregolari rivestiti con un tessuto di nuova concezione e fantasia.

Roberto Matta, 1960

Roberto Matta, 1960

Quella mattina, circondato dai membri dello studio, da tutti i giovani designer e disegnatori di fumetti, ha parlato senza sosta di disegni sull’arte precolombiana, africana, dell’Angola, di Breton , Lorca, Le Corbusier, Magritte …
Il lavoro di Matta era sempre di quel tipo. La relazione con i giovani era una relazione volta a risvegliare in ognuno di loro un sé vivo nel desiderio che ogni studente potesse formarsi compiutamente e cogliere tutte le relazioni che le cose hanno fra loro e tutto ciò che sta accadendo nella giungla della società in cui vive.
Lavorare in un luogo e aprirsi al mondo, comprendendo il mondo a partire da ciò che si conosce per provocare tensione, irradiarsi dall’esterno e dall’interno e viceversa. Cercava così un dialogo tra forma e contenuto, entrare attraverso il contenuto per raggiungere nuove idee e forme. Incoraggiare il dialogo con i giovani è anche un’arte di costruire e creare richiede sempre uno sviluppo dello spirito critico.
Come si è sviluppato il lavoro delle sedie progettato in collaborazione con Matta?
Il giorno dopo è tornato presto, e questa volta ha disegnato con incredibile velocità, sempre a scala naturale, direttamente su un pezzo di legno multistrato 1500 x 1500 mm, tre schienali di sedie in modo che io, con assoluta libertà, potessi progettare il sedile, le gambe, ecc. I disegni a carboncino, chiarì, che non dovevano essere attentamente rispettati come avrei voluto io: se i falegnami li avessero alterati avrei dovuto prendere la cosa come un contributo.

Ma i falegnami, sebbene piuttosto sorpresi dai disegni di quelli che sarebbero stati gli schienali delle sedie, li rispettarono attentamente.

 

Gonzalo Córdoba, Butaca Guamá

Gonzalo Córdoba, Butaca Guamá

A proposito, il design delle sedie è uno degli oggetti più difficili…
Ho fatto la mia parte con la massima discrezione e semplicemente come supporto agli schienali. Sia il divano letto “Caimán” che le sedie sono stati esposti con i loro dipinti, vetri colorati e scatole di tabacco, nella Galleria latinoamericana della Casa de las Américas.
La sedia ha sempre una forte carica simbolica, tutto passa attraverso una sedia…
All’inaugurazione Matta ha indossato una giacca disegnata da Ayuso nel nostro laboratorio con un tessuto stampato piuttosto vistoso che aveva scelto e che voleva scambiare, per gioco, con quella di alcuni assistenti, ma senza risultato.

 

Clave para Matta, Lisandro Otero, 1984

Clave para Matta, Lisandro Otero, 1984

E cosa è successo ai disegni che Matta ti ha inviato al suo ritorno a Londra?
L’entusiasmo di Matta con le 4 sedie e il divano “Caimán” è stato tale che quando è arrivato a Londra ha disegnato altri 4 schienali, sempre su a scala naturale, questa volta alti quasi due metri e ce li ha inviati con lo scrittore Lisandro Otero, autore dal libro Clave para Matta, lettura essenziale per conoscerlo e apprezzare il suo lavoro, così come Matta, conversazioni con Eduardo Carrasco. Come sempre, l’assoluta libertà di fare la mia parte è un impegno maggiore per me. L’altezza degli schienali questa volta mi costringeva a una partecipazione più evidente e ora si
chiameranno: “Posto per più di uno”, “La sedia di Cronopio”, ” Per aspettarei l’inaspettato” e “Per essere guardati”. Non ho realizzato questi pezzi fino ad oggi perché avevo la speranza o il desiderio di fargli visita
a Parigi, prendendo il soggiorno come pretesto per godermi di nuovo la conversazione con il grande cileno.


By Mariapia Ciaghi

 

Tags: , , , , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>