MENU
Los Angeles, Cal. The Plaza Gallery, c1907 (H93239 U.S. Copyright Office). Library of Congress, Reproduction number LC-DIG-ppmsca-12861

La storia sulla propria pelle. La nobile e antica...

A colorful assortment of artificial plastic jewels, Roman Köhler

Il gioiello e la custom jewelry. Una passione attraverso...

Madame de Pompadour ritratta da François Boucher nel 1756, Alte Pinakothek-Monaco di Baviera

15 giugno 2018 Comments (1) Views: 2051 Moda

Sua Maestà la pantofola

È famosa all’incirca dal 1400, secolo nel quale era chiamata anche “spantoffia”, “zibra” o “solea”, e ha avuto anche il potere di scomodare le ire di San Bernardino da Siena e Domenico da Prato. È la pantofola, accessorio che tiene banco da secoli e non accenna a mollare.

Nel XV Secolo a Firenze era composta da una striscia di cuoio che legava la suola al piede avvolgendo il dorso di quest’ultimo. Bianca Maria Sforza, al momento del suo matrimonio con l’imperatore Massimiliano I d’Asburgo (1494), ne annoverava ventiquattro paia nel suo corredo. Potevano essere basse o alte, grazie ai vari strati della suola, coperte e abbellite con stoffe preziose, rosso intenso quelle dei senatori della Repubblica di Venezia.

Pantofole, Inghilterra 1845-1855 (Patricia Harris Gallery of Textiles & Costume, Royal Ontario Museum, Toronto, Ontario, Canada)

Pantofole, Inghilterra 1845-1855 (Patricia Harris Gallery of Textiles & Costume, Royal Ontario Museum, Toronto, Ontario, Canada)

Con il tempo la pantofola si trasforma: si dota di gambali per diventare scarpa vera e propria, oppure viene armata con tacchi e piccoli sbuffi di morbida pelliccia. Nel 2012 un paio di pantofole della regina Maria Antonietta d’Asburgo sono state battute all’asta per 62.460 Euro: tacco basso e piatto, estremità a punta, rosa con bande verdi e ornate con un fiocco di seta sul dorso. Il museo di Reading ne custodisce un paio che si dice siano appartenute a Elisabetta I, oggetto a suo tempo di un intenso restauro.

Jeanne Antoinette Poisson, nota come Madame de Pompadour, favorita di Luigi XV che Voltaire descrive nei suoi Mémoires come “ben educata, saggia, amabile, piena di grazia e di talento”, viene ritratta da François Boucher con le sue pantofole rosa. In tempi più recenti Truman Capote e Julian Schnabel le hanno elevate ad accessorio raffinato per pochi sfrontati e coraggiosi, mentre Elio Fiorucci ha iniziato a realizzare accessori partendo da un paio di ciabatte di plastica.

Nell’anno che sta per finire Milano ha dedicato alle scarpe di Manolo Blahnik (“Manolo Blahnik. The Art of Shoes”, Palazzo Morando) una mostra in cui le pantofole hanno occupato largamente la scena. Quelle disegnate per Kirsten Dunst, che ha interpretato Maria Antonietta per il film di Sofia Coppola, e quelle blu scuro in raso satinato create dall’artista spagnolo per il Four Seasons Hotel, che le ha offerte ai propri clienti in un pacchetto speciale a partire da ottocentotrenta Euro (dal 25 gennaio al 9 aprile 2107).

Slippers di Gucci

Slippers di Gucci

Secondo BoF e Lyst (notizia riportata anche da Marie Claire in estate) le calzature più vendute del 2017 sono state le GG Blooms di Gucci. Pattern floreale e doppia G d’ordinanza ne hanno fatto un prodotto dal basso costo (poco più di duecento euro) per una clientela giovane, cosiddetta entry-level, affetta da logomania e dalle abitudini informali ma lussuose. Sempre di Gucci le slippers Princetown spigate da uomo, mentre per i comuni mortali le più modeste, ma comodissime, Fly-Flot, Inblu o De Fonseca. Non adatte, queste ultime, agli aperitivi a Manhattan, ma di sicuro perfette per le serate davanti al caminetto.

Per un inverno frizzante basta fare un salto su www.troppotogo.it: è possibile mettere ai piedi morbidi unicorni rosa e draghi luminosi. Se poi sono rosse (o argentate), provate a sbatterle fra loro, le conseguenze, come insegna la piccola Dorothy, saranno inaspettate!.

By Matteo Tuveri

Tags: , , , , , ,

One Response to Sua Maestà la pantofola

  1. Emilia scrive:

    Ciao! Grazie per aver menzionato il mitico shop di Troppotogo. Tanti auguri di Buon Natale da Troppotogo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Privacy Policy