MENU
Alessandra Angeli (Angelina)

Alessandra Angeli. La cattiva con i congiuntivi a posto

Piano, keys, Autore Manuel Strehl, License CC BY-SA 2.5

Le Salon de Musique – La Marche dans le...

Itis Galileo, foto di Marco Caselli

10 aprile 2015 Comments (0) Views: 1053 Eventi, Rubriche

ITIS Galileo di Marco Paolini

Ritratto di Galileo Galilei, 1636

Ritratto di Galileo Galilei, 1636

 

 

Teatro Massimo di Cagliari

11 aprile, ore 21:00

12 aprile, ore 19:00

13 aprile (scolastica), ore 11:00

Sito web: www.teatrostabiledellasardegna.it

 

Marco Paolini e Francesco Niccolini dedicano al padre della scienza moderna Galileo un’opera di profonda riflessione sullo stupore della scoperta, il senso del pensiero scientifico e la direzione, forse un po’ inquietante, che sembrano prendere i tempi attuali.

Quando si parla di Galileo – si legge nella nota stampa – si pensa sempre a un anziano venerando: sarà una questione di iconografia, ma forse è anche perché si capisce che lo scienziato non si mette mai in pensione con la testa. Anzi, le scoperte più importanti le raggiunge dopo i sessant’anni. Galileo vive quattrocento anni prima di noi, in un’epoca governata da certezze e rigidità di pensiero, ma alcuni elementi tornano oggi a riaprire il confronto con quel passato.

Lo spettacolo non approfondisce la tradizionale dialettica fede-ragione, che ha segnato la storia dello scienziato e del Seicento, ma piuttosto indaga sulla discussione a tre fra fede, ragione e superstizione.

Lo stesso Paolini dichiara: «Viviamo in un tempo in cui la magia è tornata a governare il futuro. Sarà perché le leggi dell’economia non sono leggi matematiche e contengono una componente di caso molto rilevante, sta di fatto che il nostro mondo cerca consolazione negli astri. E mi stupisce che, 400 anni dopo la consacrazione dell’universo post-rivoluzione copernicana, tutti i giorni molti tra noi consultino le previsioni dell’oroscopo che utilizzano le stelle fisse di Tolomeo. Alla fine non importa se il cielo non è così, perché quello che conta è che ci piace. Galileo è usato spesso come simbolo della scienza libera contro la fede integralista, ma in realtà è uno che per campare fa anche oroscopi. Eppure ha la forza di guardare oltre. Per noi è facile irridere le teorie del passato, quando finiscono le teorie fanno sempre ridere. Il problema è che mentre ci sei dentro continui a pensare che non sia teoria, ma spiegazione della realtà».


Immagine di copertina: Itis Galileo, foto di Marco Caselli

 

Tags: , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Privacy Policy