MENU
License CC BY-SA 2.0 - Moni Sertel, Link https://www.flickr.com/photos/90389546@N00

Wildlife Photographer of the Year

Ceramica Joseon del XVIII secolo, Walters Art Museum

BOHNCHANG KOO – Open end

Fashion Mix - Mode d'ici, créateurs d'ailleurs, locandina

4 gennaio 2015 Comments (0) Views: 1261 Eventi, Rubriche

Fashion Mix – Mode d’ici, créateurs d’ailleurs

Fashion Mix - Mode d'ici, créateurs d'ailleurs, locandinaPalais de la Porte Dorée

Dal 9 dicembre 2014 al 31 maggio 2015

293, avenue Daumesnil – 75012 Paris

Sito web: www.histoire-immigration.fr

 

Il Palais Galliera, in collaborazione con il Palais de la Porte Dorée e il Musée de l’histoire de l’immigration, apre le sue porte al pubblico per celebrare il contributo degli stilisti non francesi di nascita che, lungo l’arco del tempo, hanno arricchito la moda francese e mondiale.

Da Charles Frederick Worth a Azzedine Alaïa, da de Mariano Fortuny a Issey Miyake, passando per Yohji Yamamoto, Cristóbal Balenciaga e Raf Simons, la mostra, ideata da Olivier Saillard, Direttore del Palais Galliera, intende anche esplorare, con un effetto di completezza e armonia raro nel suo genere, la storia di uomini e donne immigrati in Francia, artigiani e designer, che hanno contribuito a costruire con il loro eccelso lavoro la Parigi Capitale della moda. Il mito di Parigi, infatti, si poggia in base sulla ricchezza umana e artistica che ne è sempre stata anche il motore propulsore. Spesso dietro al concetto di «savoir-faire français » e di « made in France » si nascondono infatti personaggi di grande genio di nascita estera che però hanno scelto, per vicende personali, umane o lavorative, di diventare francesi.

Luc Gruson, Directeur général de l’Etablissement public du Palais de la Porte Dorée, ha dichiarato: «Noi vorremmo che ciascuno ricordi che ciò che la Francia propone al mondo come “fatto in Francia”, che è poi anche l’hand-made, è ottenuto acquisendo ciò che il mondo ha prodotto. Tali creatori sono grandi modelli, lontani anni luce dalle visioni vittimistiche e xenofobiche».

A disposizione dei visitatori centinaia di capi “icona” della moda, abiti, cappotti, cappelli e accessori già custoditi presso gli archivi del Palais Galliera. In mostra anche piccoli e grandi documenti, provenienti da archivi pubblici e privati, a testimonianza di percorsi di immigrazione, nascita di aziende, considerate ora capisaldi della moda mondiale, interviste e atti pubblici relativi alla naturalizzazione degli immigrati forniti dall’Office français de protection des réfugiés et apatrides (OFPRA).


In Copertina: Fashion Mix – Mode d’ici, créateurs d’ailleurs, locandina

Tags: , , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>