MENU
Il mare di Villasimius nello scatto di Marcello Treglia

Nelle acque di Villasimius tutto il fascino di Pinuccio...

Peter Lindbergh. From Fashion to Reality (Kunsthalle Muenchen - www.mockupmagazine.it)

Peter Lindbergh. From Fashion to Reality

Marrakech, specie (Pic by evafelizitas, Pixabay.com)

28 luglio 2017 Comments (0) Views: 274 Luoghi

In caicco da Marsiglia a Marrakech

 Come recita un vecchio adagio, una ciliegia tira l’altra. La stessa cosa accade per le vacanze: sportive, con gli amici, con la persona che si ama o in totale solitudine, devono essere lo specchio della nostra interiorità. La vacanza è un sorso d’acqua fresca dopo un lungo tragitto al sole. Ognuno ha la sua, la mia è iniziata prestissimo una mattina in cui mi sono imbarcato su un piccolo caicco turco di un’amica piuttosto addentro al jet-set internazionale (non si fanno nomi). I grandi spazi, insoliti per un’imbarcazione, hanno reso la mia permanenza a bordo, da Marsiglia a Marrakech, un turbinio di chiacchiere, pranzi e cene e intense nuotate lungo costa.

  • Marsiglia, pic by Noel_Bauza (Pixabay.com)
    Marsiglia, pic by Noel_Bauza (Pixabay.com)
  • Caicco, pic by dimitrisvetsikas1969 (Pixabay)
    Caicco, pic by dimitrisvetsikas1969 (Pixabay)

Come abitare fra le pagine di un romanzo di Agatha Christie, ma senza alcun omicidio, adagiato su morbidi cuscini, sorseggiando un moscatello ghiacciato, ho parlato a lungo con gli altri ospiti e osservato il capitano manovrare con decisione il timone.

Nelle selvagge calanques della Provenza, immerso nelle sfumature di un mare divino in cui è possibile scoprire un mondo fatto di coralli, pesci e rocce ricamate dalle correnti. Un reef più affollato di New York a Natale, in cui ci si aspettava di vedere Ariel e Sebastian.

Dopo alcuni giorni sono arrivato a Marrakech, fra i profumi di curcuma e curry, nei vicoli al riparo dal sole cocente, nel Suq ricco di tessuti, la vita scivola leggera e libera. Lungo la rue Yves Saint Laurent, dedicata allo stilista che fece del Marocco la sua seconda casa, fino ai giardini Majorelle, ideati dall’omonimo artista nel 1922 insieme al colore blu oltremare che sempre da lui prende il nome.

Una profusione di aromi e sensazioni che mi hanno accompagnato anche durante – ahimè – il ritorno nella fresca cabina del caicco e sul ponte del veliero, consolato dalla loquace presenza dell’equipaggio.

By Matteo Tuveri

  • Marrakech, Majorelle (Pic by BUTTIN, pixabay.com)
    Marrakech, Majorelle (Pic by BUTTIN, pixabay.com)
  • Marrakech, giardino (Pic by didconnect, pixabay.com)
    Marrakech, giardino (Pic by didconnect, pixabay.com)

Immagine di copertina: Marrakech, specie (Pic by evafelizitas, Pixabay.com)

 

Tags: , , , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>