MENU
Metti una sera con Deb & Rose, Foto di Andrea Duranti per mockupmagazine.it

Metti una sera con Deb & Rose

Consigli di lettura: Malaparte e gli antieroi di Cunningham

Letture: Malaparte e gli antieroi di Cunningham

Harry Potter and the Cursed Child

19 dicembre 2016 Comments (11) Views: 2375 Arti, Letteratura, Spettacolo, Teatro

Harry Potter e la forza della memoria

Harry Potter e la maledizione dell’Erede, basato sui sette volumi di J. K. Rowling e scritto da John Tiffany e Jack Thorne, sugli scaffali delle librerie dalla fine di settembre, è senza dubbio un successo di vendite (ed è per questo che non avrete un solo attimo di spoiling, nemmeno quando vi sarà sembrato). Predestinato al successo come qualsiasi cosa tocchi la penna d’oro della scrittrice britannica, che si è dichiarata “emozionata e nervosa” per la prima a teatro, il libro è una sceneggiatura teatrale in quattro atti che racconta le disavventure di un Harry Potter ormai cresciuto alle prese con i problemi della paternità, del lavoro, dell’amicizia e del passato. È in realtà la memoria a essere protagonista del volume: quella della storia originale, con il suo universo di storie, personaggi e problematiche, e quella del “nuovo” protagonista, cresciuto nel mito di se stesso e ora alle prese con qualcosa – gli affetti – da dover gestire in autonomia, senza maledizioni o aiuti di terzi, con la sola forza della propria volontà.

Albus Dumbledor interpretato da Michael Gambon.

 

Chiedi a me, tra tutti, come si fa a proteggere un ragazzo i pericolo?

Non possiamo proteggere i giovani. Il dolore deve venire e verrà.

(Harry Potter e la maledizione dell’erede, Salani Editore, 2016)

 

Il libero arbitrio, unica vera forza dell’essere umano, rimane quale corpo centrale del messaggio della Rowling ed è subito riconoscibile nell’uso dei verbi di volontà, come volere o scegliere, affiancato a sostantivi importanti come amicizia, amore o morte. A questo, e al coacervo di luoghi letterari e mitici di cui Harry Potter è uno scrigno, i due autori e registi affiancano un linguaggio giovanile che in alcuni tratti traspare dalle espressioni e dalla scelta degli anacoluti, tipici del parlato, e dagli aggettivi, semplici e lineari.

Protagonisti, nella sceneggiatura e sulle tavole del palcoscenico del West End, sono una Hermione e una Ginny pienamente adulte, madri e lavoratrici fortunatamente senza lo stigma della figura femminile secondo certo Fertility Day, un Draco molto cambiato (ma non vi dirò quanto), un Albus Severus Potter e uno Scorpius Hyperion Malfoy ricchi di emozione (“sono il figlio di Voldemort, senza madre, che continua a regalare affetto al ragazzo che non restituisce mai niente”). Soprattutto quest’ultimo risulta uno dei personaggi più sfumati, ombroso, gotico e sensuale, capace di sviare il lettore, specialmente all’inizio. Alcune azioni concettuali risentono delle “magie” di scena, specialmente quando un quadro si sovrappone ad un altro con tecniche e movimenti che, almeno sulla carta, richiamano gli espedienti dei musical tedeschi di Michael Kunze e Sylvester Levay.

Manca ai personaggi, senza dubbio, quell’eloquio rowlinghiano, quello sguardo da narratore colto che accompagni le azioni dei personaggi nelle annotazioni di regia, tuttavia rimpiazzato, nei lettori più attenti e innamorati, da quel mondo che la scrittrice ha creato e instillato. È sempre un’emozione leggere Harry Potter: quando si impone sul figlio con metodi non proprio democratici, quando permette di rivivere Piton, il Torneo Tremaghi e la sete di morte di Voldemort. Proprio quest’ultimo, accompagnato dalla cicatrice che brucia, è un monito alle generazioni più giovani perché la memoria dei totalitarismi e degli integralismi di ogni tipo non venga dimenticata.

By Matteo Tuveri

Tags: , , , , , , , , ,

11 Responses to Harry Potter e la forza della memoria

  1. Chiocciolina Verde scrive:

    finalmente una recensione seria. Cari critici letterari, basta leggere il libro prima di scriverne, è semplice

  2. Rosanna scrive:

    Su alcune cose posso anche non essere d’accordo, per esempio a me il libro non è piaciuto, ma almeno qualcuno ne scrive sapendo di cosa sta parlando.

  3. Harry Nerd scrive:

    Grande Harry Potter e grande Mockup, bravi!

  4. Pat Serri scrive:

    Ne ho sentito parlare tantissimo, proverò a leggerlo però mi consigliare di leggere tutti i libri della saga o basta aver letto i primi 3? Tenete presente che ho visto tutte le riduzioni cinematografiche

    • Redazione Redazione scrive:

      Buongiorno! Senza dubbio sarebbe meglio leggere tutti i libri, ma se conosci tutti i personaggi e la trama, puoi leggere anche Harry Potter e la maledizione dell’Erede.

  5. Giulio Estei scrive:

    Anche io ho trovato parecchio gotico e sensuale il personaggio di Scorpius sono felice che qualcuno ha provato la stessa sensazione.

  6. GiorgiaEP scrive:

    Da vero pedagodo, Silente dice la frase ‘Non possiamo proteggere i giovani. Il dolore deve venire e verrà’. Felice che l’autore dell’articolo abbia notato la frase.

  7. LEggendo scrive:

    Faccio parte di due gruppi di lettura e proporrò la lettura del testo. Ho molto amato il fatto che Tuveri abbia notato che il tema della memoria sia sempre presente.

  8. Gabriellina scrive:

    Per caso Tuveri deve presentare qualche libro a Roma o Firenze prossimamente?

  9. Da Norcia scrive:

    Non ho fatto la fila per accaparrarmi il libro, non condivido l’isteria per i prodotti. Lo comprerò perchè dalla recensione sembra che ci sia il contenuto necessario per interessarmi.

  10. Sorelle Lia e Margherita scrive:

    Siamo due ragazze di 12 e 9 anni, abbiamo letto tutti i libri di Harry Potter e questo ci è sembrato interessante perchè sembra una fan fiction.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Privacy Policy